Da quando mangiare è diventato così complicato?

Argomenti del post

Avere ospiti è una delle gioie della vita.
Ma invitare a cena è sempre più complicato.

Il problema è che intolleranze alimentari (vere e presunte) sono molto di moda.
E mettere in tavola una cena che tenga presenti le intolleranze/idiosincrasie/remore etiche di tutti i commensali diventa sempre più complesso.

C’era una volta chi ti diceva: io non mangio il fegato/le uova/i molluschi: erano i bei tempi in cui bastava depennare un alimento per essere sicuri di non fare gaffes.

In seguito è arrivata un’ondata di vegetariani – categoria con la quale simpatizzo, per altro-:  ma anche lì bastava fare una bella pasta al forno ed erano tutti contenti.

Poi, da un giorno all’altro, sono tutti diventati intolleranti al glutine: frumento =  satana,  quindi addio pastasciutte, focacce, pani eccetera.

Lì è cominciata la fine: le intolleranze a qualsiasi cosa sono diventate una specie di must-have. Se mangi tutto sei uno sfigato.

Recentemente ho avuto ospite (per più giorni, pure) una persona  che non mangia nè glutine nè lattosio.
Cioè i 4/5 della normale dieta mediterranea.  Fare la cena era uno slalom nel frigo.

E per fortuna non c’erano vegetariani a tavola,  in quei giorni.

Questo articolo ha 3 commenti.

  1. Yle

    Condivido appieno!
    Basta un po’ di mal di pancia dopo un bel piatto di pasta e BUM! eccola diventa intollerante al glutine.
    E sono stra convinta che il 90 % delle persone che si professano intolleranti/allergiche lo sono solo nella testa…
    Un po’ fa figo, un po’ fa moda, e poi la gente di guarda con occhi diversi “oh povero, come mi dispiace per te…”
    E si gongolano con questi compiacimenti.
    E si complicano la vita per niente, non si godo uno dei suoi più illustri piaceri e si auto-condannano ad una vita (spesso) miserabile.
    Chi viene da me mangia quello che trova in tavola. Sempre comunque cibi freschi e salutari.
    E se questa gente vivesse di più e si compiangesse di meno?

    1. Elisa

      Mia nonna, a tutti questi intolleranti avrebbe detto: te ghe voria un fià de Africa, a ti.

      1. Yle

        e a gà razon! lo avevo pensato anche io ma mi sono trattenuta da scriverlo per non sembrare troppo dura ed insensibile.
        perché queste fantomatiche persone sono pure permalose e guai e non le comprendi! guai se non ti metti nei loro panni! guai se non capisci le loro difficoltà e limitazioni.
        chissà perché il numero di intolleranti/allergici in Italia é tra i più alti del mondo….. noi che tanto ci vantiamo della nostra salutare dieta italiana!
        vedi che sono tutte cose assurde?
        (per non parlare che siamo il 7° paese al mondo per consumo di medicine….)
        godiamoci la nostra carbonara cara mia!!!!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.