More Dior

Argomenti del post

– E poi la pianto, promesso! –

Anni ’40: Esordi & New Look

Il sogno proibito di ogni fashionista: un abito da sera haute couture del Maestro in persona, numerato 00840… Una nuvola di organza di seta ricamata ( a mano, ça va sans dire) con chili di perline e paillettes iridescenti, strutturata da bustino e sottogonna all’interno. Costa tantissimo ed è strettissimo…Beata chi se lo può permettere, in tutti i sensi!

Abito da sera anni 40
Abito da sera anni 40

Anni ’50: Pagoda, H, Y and beyond

L’intuizione è geniale, poco da dire: ogni stagione, Dior inventa forme nuove, che mandano in pensione quelle precendenti.
Facendo sì che la sua moda passi di moda, Dior obbliga le signore che desiderano essere à la page a rinnovare periodicamente il proprio guardaroba.
Cocteau sosteneva che il talento commerciale del suo amico stilista si potesse presumere già dal cognome: giusto a metà tra Dieu e Or…

Ann’50: Il Dopo-Dior di Yves Saint Laurent

giraffa

Quando il maestro muore improvvisamente, il suo delfino Yves Saint Laurent (/r.i.p.) prende il suo posto ed azzarda uno stile essenziale, in linea con il gusto che si affermerà di lì a poco, ed osa persino stampe animalier come quella di questo abito da pomeriggio di fine anni ’50

Anni ’60: Bohan Boom Boom

Negli anni del boom economico, l’impero di Dior si espande a dismisura.

Con Marc Boahn, grazie agli accessori, alla linea giovane Miss Dior e alla collezione uomo l’universo Dior diventa accessibile a un numero maggiore di persone. Intanto le shilouette si fanno più sottili, mentre rimane intatta la cura dei dettagli e la passione per le decorazioni.

Nella un vestito HC della collezione P-E 1967 appartenuto alla star del cinema Maria Felix.

 

maria felix dress

 

Questo articolo ha 5 commenti.

  1. Melkor78

    >Mi sono fermamente convinto che qualunque persona, per quanto bella ed elegante, indossando un vestito, per quanto altrettanto bello ed elegante, senza conoscerne la storia, capirne lo stile, senza "viverlo" insomma, apparirà sempre meno attraente di qualcun'altro bruttino ma in perfetta simbiosi con i suoi panni X

  2. anonimo

    >Adoro gli abiti da pomeriggio.

    Senti questa, è bellissssima.

    Una mia amica, ingenua, è stata turlupinata. Convinta di avere acquistato un abito da pomeriggio, si è accorta troppo tardi che in realta si trattava di un vestito da tardo pomeriggio/prima serata. Ah, le risate che mi sono fatto! Certo che se fossi stato presente…

    Fulcro Valtelini

  3. anonimo

    >Bella Fulcro!

    Quagliarulo

  4. anonimo

    >come capisco l'aneddoto di fulcro; ricordo ancora l'imbarazzo di quella volta in cui io stesso mi presentai in abito da sera a un concerto da camera da notte…

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Argomenti del post

Questo articolo ha 5 commenti.

  1. Melkor78

    >Mi sono fermamente convinto che qualunque persona, per quanto bella ed elegante, indossando un vestito, per quanto altrettanto bello ed elegante, senza conoscerne la storia, capirne lo stile, senza "viverlo" insomma, apparirà sempre meno attraente di qualcun'altro bruttino ma in perfetta simbiosi con i suoi panni X

  2. anonimo

    >Adoro gli abiti da pomeriggio.

    Senti questa, è bellissssima.

    Una mia amica, ingenua, è stata turlupinata. Convinta di avere acquistato un abito da pomeriggio, si è accorta troppo tardi che in realta si trattava di un vestito da tardo pomeriggio/prima serata. Ah, le risate che mi sono fatto! Certo che se fossi stato presente…

    Fulcro Valtelini

  3. anonimo

    >Bella Fulcro!

    Quagliarulo

  4. anonimo

    >come capisco l'aneddoto di fulcro; ricordo ancora l'imbarazzo di quella volta in cui io stesso mi presentai in abito da sera a un concerto da camera da notte…

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.