Iscriviti al mio corso di Vintage Styling: scopri tutti i dettagli QUI →

Breve Storia del Rosa

by Elisa, 05/07/2017

Con il nome di Millennial Pink, è uno dei colori di punta dell’Estate 2017.
Frivolo e vezzoso, il Rosa è oggi considerato la tinta femminile per eccellenza, ma le cose non sono sempre state così: perché questo colore ha una storia ha una storia piena di sorprese…

  • Il Rosa diventa per la prima volta “di moda” durante il rococò grazie a Madame de Pompadour –  la favorita di Luigi XV- che lo ama particolarmente. In questo periodo, comunque, come tutte le tinte pastello, è un colore indossato indifferentemente dalle donne e dagli uomini. (Ah, il settecento!)

    Il rosa tra settecento e ottocento

    Il rosa tra settecento e ottocento

  • Per tutto l’ottocento, contrariamente a quanto accade oggi, il rosa è associato ai bimbi e l’azzurro alle bimbe. Il motivo è semplice: il rosa è considerato fratello minore del rosso (colore del sangue, della passione, per secoli “IL” colore maschile per eccellenza) ed è quindi reputato più adatto per i maschietti, mentre l’azzurro è considerato più “tranquillo”, ed essendo la tinta del manto della madonna, viene associato alle femminucce
    schiaparelli
  • Negli anni ’30 il Rosa subisce una rivoluzione. Grazie al progresso della chimica per la prima volta sono disponibili tinte che regalano tonalità vibranti ed incredibilmente intense: fino al quel momento, infatti, il rosa era stato pastello o tutt’al più color pesca. Nasce allora il Rosa Shocking, così battezzato dall’indomabile Elsa Schiaparelli, che lo elegge a suo colore feticcio e su di esso basa tutto il suo branding
  • È negli anni ’40 che i produttori di vestiti per bambini, negli USA, decidono di associare il rosa alle femmine e l’azzurro ai maschi: ebbene sì, si tratta di una scelta arbritaria fatta per ragioni di marketing, al fine di vendere più vestiti (qui il libro che racconta tutta la storia)

    Il Rosa negli anni '50

    Il Rosa negli anni ’50

  • Gli anni ’50 sono l’età dell’oro del Rosa: dalla cadillac di Elvis alla neonata Barbie, passando per l’Haute Couture e La Vie En Rose, il colore è ovunque in tutte le sue sfumature. A rafforzare l’associazione Rosa=Femminilità arrivano, in ordine sparso (e non esaustivo): Mamie Eisenhower, che nel 1953 al ballo inaugurale della Casa Bianca, indossa un delizioso abito confetto; Marylin Monroe, che nello stesso anno appare in fuxia nell’iconico Gli Uomini Preferiscono Le Bionde, e poi il celebre “Think Pink” proclamato dalla direttrice del giornale di moda in Cenerentola a Parigi (il personaggio è dichiaratamente ispirato a Diana Vreeland, e la clip si può vedere qui)
  • Negli anni ’60 il rosa più famoso è quello macchiato di sangue del tailleur indossato a Dallas da Jacqueline Kennedy. La tinta, in auge per tutto il decennio, inizia però a perdere un po’ di smalto…

    First Ladies in rosa: Mamie Eisenhower e Jackie Kennedy

    First Ladies in rosa: Mamie Eisenhower e Jackie Kennedy

  • Negli anni ’70, con l’arrivo del femminismo, il Rosa viene totalmente ripudiato in quanto considerato simbolo di una femminilità tradizionale antiquata. Anche per le bimbe, si preferiscono vestiti poco leziosi e in colori “neutri”
  • Con la diffusione delle ecografie, e la possibilità di conoscere il sesso di un bambino prima ancora che nasca, si assiste a un prepotente ritorno dei corredini rosa/azzurri negli anni ’80. Intanto, le sfumature più intense del Rosa sono di nuovo presenti nelle proposte degli stilisti, magari per femminilizzare i tostissimi Power Suit in voga in quel decennio

    Rosa contemporaneo

    Rosa contemporaneo

  • Negli anni ’90 il rosa ribadisce la sua connotazione femminile, senza cedere per forza alla frivolezza: nel 1996 nasce il Pink Ribbon come simbolo della lotta al cancro al seno.
    Fronte moda, invece, un fotogramma rimane nella storia: Gwyneth Paltrow che ritira il suo Oscar in un delizioso ballgown color peonia disegnato da Ralph Lauren

    La PussyHat March di Gennaio 2017

    La PussyHat March di Gennaio 2017

  • Nel nuovo millennio, le neo-femministe hanno eletto il rosa shocking a simbolo della loro causa. Dalle cantanti impegnate per l’empowerment femminile alla marcia dei Pussy Hat contro Donald Trump, passando per webzine d’ispirazione femminista, l’hot pink è ovunque.
    Come dire: per le donne il futuro sarà roseo.

Ti è piaciuto questo post?
Iscriviti al mio corso di Vintage e Storia della Moda cliccando qui